Grotta di San Mamiliano

La grotta di San Mamiliano, detta anche grotta del Santo e grotta del Drago, è un luogo sacro che si trova sull’isola di Montecristo nell’Arcipelago Toscano a 234 metri di altitudine, non distante dal monastero di San Mamiliano.
La vocazione monastica dell’isola affonda le proprie radici nella metà del V secolo ed è legata alla figura di san Mamiliano, il vescovo di Palermo che, secondo la tradizione, per sfuggire ai Vandali, sarebbe qui approdato dalla Sardegna con altri suoi seguaci (il presbitero Senzio e i monaci Aurelio, Gobuldeo, Infante, Lustro, Procolo, Rustico e Vindemio). Lungo le pendici del monte della Fortezza, dominata dai resti della fortezza di Montecristo, è la grotta che la devozione popolare ha sempre identificato come dimora del santo eremita e luogo nel quale, secondo la leggenda, egli avrebbe ucciso un drago, simbolo evidente del paganesimo. Sul luogo dell’uccisione sarebbe sgorgata la sorgente d’acqua tuttora esistente e di cui, sino al XIX secolo, veniva fatto mercato. All’interno della grotta numerosi ex voto costituiscono la testimonianza del passaggio di generazioni di pellegrini e di marinai.
Dal gennaio al febbraio 1870, all’interno della grotta del Santo visse l’eremita Davide Lazzaretti.

 

Branduccio

Via Soccini 53
53022 Buonconvento (SI)

Horage Fusion Restaurant

Via del Canaletto, 136
19100 La Spezia

La Casina di Manon

Via Uzielli 1
50059 Vinci (FI)