Le Ville Pontificie di Castel Gandolfo sono il luogo adibito alle residenze estive dei pontefici. Le Ville Pontificie coprono un’area di 55 ettari e si trovano nell’area dei Castelli Romani, in provincia di Roma, e la loro origine è molto antica: il nucleo più vecchio risale infatti all’epoca Medioevale, quando era di proprietà di una ricca famiglia ligure, i Gandolfi. Tuttavia è solo nel 17 secolo che il castello assume il ruolo per il quale è conosciuto anche oggi. Papa Urbano VIII è infatti il primo papa a decidere di trascorrere qui i mesi estivi e a decidere di ampliare la struttura: fa infatti costruire una nuova ala rivolta verso il lago e il giardino retrostante, che il visitatore potrà vedere nella sua forma originaria, non avendo subito cambiamenti da allora. All’interno della residenza, tra le altre cose, troviamo un osservatorio astronomico, chiamato La Specola Vaticana, e Villa Cybo, la cui palazzina è stata progettata dall’architetto Francesco Fontana. Oltre a queste: Villa Barberini, il Collegio Estivo di Propaganda Fide, ex-convento dei frati minori, e il convento delle clarisse di Albano.