La Villa comunale Baciocchi è un edificio settecentesco, costruito con tutta probabilità sui resti del castello medievale di Capannoli appartenuto alla famiglia della Gherardesca, almeno da partire dall’XI secolo, fu completamente trasformato acquisendo la morfologia attuale verso la metà del settecento.

Nel 1833 la villa venne ereditata dai marchesi Baciocchi che apportarono modifiche sostanziali non solo all’interno dell’edificio ma anche al suo monumentale parco.

Infine nel 1951 divenne di proprietà del Comune di Capannoli che nel corso del tempo le ha attribuito diverse funzioni fino all’attuale: al piano terra è posto il museo Zoologico e al piano nobile il Museo Archeologico, nella parte est della villa vi è posta la biblioteca comunale, una sala multimediale (con sei postazioni) e il centro aggregativo giovanile.

Questi ambienti e spazi descritti della villa sono stati recuperati e resi visitabili grazie a importanti finanziamenti propri dell’amministrazione comunale ed altri finanziamenti che il Comune è riuscito ad ottenere.

Gli ambienti che ospitano i musei sono sale quasi interamente affrescate e si prestano a molte iniziative e manifestazioni di natura prevalentemente culturale. Di tutti questi ambienti ne rimangono alcune parti delle quali sarà completato il restauro nei prossimi mesi. Il Salone Nobile, le sale adiacenti e la Saletta degli Affreschi posta al piano terra, sono luoghi di mostre, convegni, giornate di studio, oltre che luoghi adibiti a matrimoni civili.

I molti interventi realizzati negli ultimi tempi hanno permesso a questo luogo di ritornare al suo vecchio splendore e valorizzarlo per ciò che rappresenta per la comunità: un simbolo d’identità territoriale e soprattutto culturale.

Museo Archeologico

Il Museo, situato al piano nobile della Villa Comunale Baciocchi, si compone di cinque sale che propongono un percorso archeologico sull’evoluzione della storia umana della Valdera dalla Preistoria al Medioevo:

  • 1 – Preistoria e protostoria in Valdera;
  • 2 – Gli Etruschi in Valdera: gli insediamenti;
  • 3 – Gli Etruschi in Valdera: le necropoli;
  • 4 – La Valdera Romana;
  • 5 – Il Medioevo in Valdera.
Il museo raccoglie materiali archeologici (ceramiche, monete, industria litica, elementi lapidei) esclusivamente provenienti da scavi e ricerche topografiche condotte nell’ampio comprensorio della Valdera. L’esposizione è arricchita da una serie di ricostruzioni su scala o in grandezza naturale delle tipologie insediative documentate durante le indagini archeologiche condotte in questi ultimi anni: si tratta della capanna del villaggio neolitico di Podere Casanuova (Pontedera) e della capanna dell’insediamento etrusco della Montacchita (Palaia).
Museo Zoologico
Il Museo è collocato a piano terra della settecentesca Villa Baciocchi.

Il percorso si articola in cinque sale nelle quali sono esposti animali tassidermizzati: grandi felini, mammiferi, invertebrati, uccelli, rettili e pesci provenienti da tutto il mondo. Il Museo, pur essendo una struttura in continua evoluzione, raccoglie ad oggi oltre 400 esemplari di fauna provenienti da ogni angolo della terra.

Della collezione fanno parte anche una raccolta di uccelli acquisita nel 2000 con alcuni esemplari di fine Ottocento e una raccolta di farfalle. Alcune sale ripropongono ricostruzioni ambientali con diorami dove sono esposti tigri, orsi, leoni.

(Credits e Info: Villa Baciocchi)