Il Borgo di Pratica di Mare sorge su un altopiano tufaceo sede dell’acropoli dell’antica  Lavinium. In età imperiale vi si innesta un impianto residenziale, testimoniato dalla presenza di pavimenti in mosaico. Proprietà ecclesiastica a partire dal IV secolo, è appartenuta ai monaci benedettini fino al XIV secolo. All’VIII secolo risalirebbe la primitiva chiesa di San Lorenzo (oggi San Pietro Apostolo, rimaneggiata nel XIII secolo con un cambio di orientamento) e la torre quadrata in seguito inglobata nel palazzo e poi distrutta durante la seconda guerra mondiale.

A partire dal XV sec. il Borgo diviene proprietà di grandi famiglie baronali: i Colonna, i Capranica, i Massimi e, dal 1617, i Borghese, attuali proprietari. La conformazione attuale del Borgo è riferibile alla ristrutturazione operata nel XVII sec. dall’architetto Rainaldi su disegni di Antonio da San Gallo il Giovane. All’esterno del Borgo, si trova il Museo Civico Archeologico Lavinium ed un piccolo cimitero monumentale ospita le spoglie del regista Sergio Leone.

(Credits e Info: Comune di Pomezia)